Quali sono i principali indicatori economici?

ForexMercatoValute, forex, mercato valute,trading6.jpg
Ciao oggi ti voglio parlare di quali sono i principali indicatori economici che influiscono sul mercato del Forex e non solo.
  • Il PIL (prodotto interno lordo), è la più completa delle misurazioni dell’attività economica di una area o nazione.
Viene rilevata ogni tre mesi ed è l’indicatore principe della forza di un’economia.
Di solito quando un PIL è alto seguono aspettative di rialzo dei tassi di interesse, e questo è un fattore positivo perla valuta del paese nel breve termine.
  • Produzione industriale, che rappresenta l’andamento del settore manifatturiero che incide per metà dell’economia. 

Insieme ad esso viene pubblicato il tasso di utilizzazione della capacità produttiva:
se questo tasso si presenta con valori superiori all’85% può comportare gravi squilibri inflazionistici nella produzione.

  • Ordini di Beni Durevoli, Durable Goods Orders

Questo indice misura i nuovi ordini arrivati ai produttori domestici per la consegna immediata o futura di beni durevoli. Le variazioni percentuali mensili danno ottime indicazioni sulla salute dell’industria, soprattutto perché la maggior parte della produzione industriale è fatta su ordinazione.

Durable Goods Orders in crescita significa normalmente un’economia più forte e pertanto tassi di interesse più alti.

  • Vendite al Dettaglio, Retail Sales

Il dato misura il totale delle ricevute dei dettaglianti, per beni durevoli e non durevoli. Le sue variazioni percentuali mensili danno chiare indicazioni sulla spesa dei consumatori

Teniamo presente che le variazioni mensili sono comunque molto volatili, i dati sono soggetti a pesanti revisioni, ed inoltre non contengono alcuna informazione sulla domanda di servizi che è sempre più importante.

Come gli Ordinativi di Beni Durevoli, le Vendite al Dettaglio sono calcolate in termini nominali, ed includono pertanto l’effetto dell’inflazione. Vendite al Dettaglio in crescita significa economia in rafforzamento e pertanto aspettative di tassi più alti nel breve termine, in teoria buona notizia per la valuta e cattivo segnale per le obbligazioni.

Negli Stati Uniti il dato è pubblicato alle 8.30 di NY la seconda o terza settimana del mese.

  • Ordinativi all’industria, Factory Orders

Rappresentano la futura attività del settore. Permettono di valutare se nel prossimo futuro l’economia subirà delle flessioni o meno. Più il valore è alto maggiore è la crescita degli indici azionari in quanto rappresenta un incremento dell’operatività delle imprese, e pertanto della possibilità delle stesse di generare profitti.

  • Scorte delle imprese, Business Inventories – Scorte dei grossisti, Wholesale Trade

Sono le scorte di magazzino delle imprese: scorte in diminuzione rappresentano un dato favorevole al ciclo economico, soprattutto in fasi delicate come al termine del periodo di recessione.

Se un’azienda ha molte scorte non aumenterà o addirittura diminuirà la sua produzione fino a che non avrà smaltito le scorte; quindi meno produzione, meno occupati e ciclo economico che rimane in recessione.

  • Redditi delle famiglie, Personal Income

E’ il valore del dollaro di reddito rinveniente da tutte le entrate dei singoli individui, più è consistente maggiore e’ la possibilità di crescita dell’economia perché il risparmio o viene investito direttamente dai risparmiatori o depositato presso istituti bancari i quali in questo modo concedono prestiti e mantengono sempre attiva l’economia.

  • Spese per consumi, Personal Spending o PCE (Personal Consumption Expenditure)

E’ la somma di tutte le spese per consumi effettuate dai singoli individui. Un importo maggiore è ovviamente positivo segnalando una ripresa dei consumi, e un’iniezione di carburante al lato produzione e distribuzione; l’effetto meno positivo deriva dalla reazione a catena che eventualmente porta a tensioni sul livello dei prezzi e quindi inflazione in rialzo a medio termine.

  • Bilancia Commerciale

La bilancia commerciale quantifica la differenza tra esportazioni ed importazioni di beni tangibili e servizi. Il livello della bilancia commerciale ed i cambiamenti in esportazioni ed importazioni sono seguiti con molta attenzione dal mercato Forex.

E’ spesso interessante esaminare separatamente i trend dei tassi di crescita di esportazioni ed importazioni.

I trend delle esportazioni riflettono la posizione competitiva del paese oltre che la forza della sua attività economica estera. I trend delle importazioni riflettono ovviamente la forza dell’economia domestica.

Normalmente una nazione con un forte deficit commerciale si ritrova con una divisa debole a causa del continuo flusso commerciale di vendita. Questo può però essere per anche lunghi periodi di tempo controbilanciato da flussi finanziari di capitali di investimento.

Negli USA viene pubblicato alle 8.30 di NY nella terza o quarta settimana del mese dal Department of Commerce.

  • Tasso di Disoccupazione, Unemployment Rate

Il Tasso di Disoccupazione misura la percentuale di disoccupati sul totale della forza lavoro.
In generale un incremento nella disoccupazione aumenta la pressione politica sulla banca centrale per abbassare i tassi di interesse.

Negli Stati Uniti è pubblicato il primo venerdì del mese alle 8.30 NY time dal Bureau of Labor Statistics.

 

Se vuoi sapere di più, ti consiglio di registrarti gratuitamente al sito: http://www.forexmercatovalute.org, dove troverai informazioni e strumenti per poter operare sul mercato delle valute (Forex).

 

Inoltre potrai avere la demo della piattaforma con assistenza telefonica per entrare a fare trading.

 
Quali sono i principali indicatori economici?ultima modifica: 2011-02-20T15:38:00+01:00da maradio73
Reposta per primo quest’articolo